Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2018

Recensione! Teorema Catherine, J. Green

Immagine
Era da più di un anno che non leggevo un libro di Green ed eccoci qui con Teorema Catherine! Come pensate che sia andata? Se volete scoprirlo, vi basta solo proseguire nella lettura.

Teorema Catherine, John Green
Casa editrice: Rizzoli
Anno: 2014
Trama: Da quando ha l’età per essere attratto da una ragazza, Colin, ex bambino prodigio, forse genio matematico forse no, fissato con gli anagrammi, è uscito con diciannove Catherine. E tutte l’hanno piantato. Così decide di inventare un teorema che preveda l’esito di qualunque relazione amorosa. E gli eviti, se possibile, di farsi spezzare il cuore un’altra volta. Tutto questo nel corso di un’estate gloriosa, passata con l’amico Hassan a scoprire posti nuovi, persone bizzarre di tutte le età, ragazze speciali che hanno il gran pregio di non chiamarsi Catherine.
Recensione: Onestamente, credo che sarà una recensione piuttosto corta perchè ho ben in mente cosa ne penso di questo libro. Non mi è piaciuto. E' stato un altro fallimento da archivi…

Recensione! Un giorno questo dolore ti sarà utile, P. Cameron

Immagine
Dopo quattro anni di attesa e poco più, sono riuscita a leggere questo libro. Ne sarà valsa la pena? Scopriamolo insieme!

Un giorno questo dolore ti sarà utile, Peter Cameron
Anno: 2007
Casa editrice: Adelphi
Prezzo: 10€
Trama: James Sveck ha diciotto anni e nessuna voglia di essere raggiunto. Dal cellulare, che butta in un bidone artistico, e dagli adulti che lo vorrebbero consumatore di oggetti e affetti. Figlio di genitori separati e fratello minore di una sorella invaghitasi di un professore di teoria del linguaggio, James rifugge il mondo e comunica soltanto con Nanette, nonna di buon senso e di buon cuore, e Miró, un cagnetto nero che si crede umano. Deciso a non frequentare l'università e ad acquistare una vecchia casa nel Midwest in cui leggere libri e lavorare il legno per il resto della vita, il ragazzo è incalzato dalla madre e dal padre che lo vogliono cool e realizzato. Gallerista con tre matrimoni falliti alle spalle la madre, Peter Pan incallito col vizio della chirurgia…

Recensione! Messenger/Il messaggero, Lois Lowry (The Giver quartet pt. 3)

Immagine
Eccoci per una nuova recensione! Parliamo di una saga che sto terminando ovvero quella di The Giver. Saremo giunti ad un punto di collisione tra i vari libri?

Recensione di The Giver/La rivincita - Gathering Blue

Messenger/Il Messaggero, Lois Lowry
Casa editrice:Bantam Books for Young Readers/ Giunti (per l'Italia)
Anno dell'edizione: 2009
Trama: In una realtà futura segnata da “forme di governo spietate, punizioni atroci, inguaribile povertà o falso benessere”, i difetti fisici sono puniti con la pena di morte. Ma nel Villaggio in cui Matty abita anche gli ultimi della scala sociale sono accolti e tenuti in grande considerazione. La comunità è gestita dal Capo, una versione adulta del Jonas di The Giver – Il Donatore. Matty lavora per il Veggente, un vecchio cieco che lo ha aiutato a maturare. Ma adesso qualcosa sta cambiando, i rifugiati improvvisamente non sono più i benvenuti al Villaggio e gli abitanti stanno diventando vanesi e ottusi. A Matty, uno dei pochi capaci di distri…

Recensione! L'arte di ascoltare i battiti del cuore, J. Sendker

Immagine
Nuova recensione, nuovo libro. Sembra che mi stia riprendendo da quello strano e pesante momento passato negli scorsi mesi. Da qualche parte bisogna pure ricominciare no?

L'arte di ascoltare i battiti del cuore, Jan-Philipp Sendker
Anno dell'edizione: 2012
Casa editrice: Neri Pozza Editore
Collana: Beat
Trama: A Kalaw, una tranquilla città annidata tra le montagne birmane, vi è una piccola casa da tè dall'aspetto modesto, che un ricco viaggiatore occidentale non esiterebbe a giudicare miserabile. Il caldo poi è soffocante, così come gli sguardi degli avventori che scrutano ogni volto a loro poco familiare con fare indagatorio. Julia Win, giovane newyorchese appena sbarcata a Kalaw, se ne tornerebbe volentieri in America, se un compito ineludibile non la trattenesse lì, in quella piccola sala da tè birmana. Suo padre è scomparso. La polizia ha fatto le sue indagini e tratto le sue conclusioni. Tin Win, arrivato negli Stati Uniti dalla Birmania con un visto concesso per motivi di…