Recensione! Allegiant

E....una trilogia è stata finita dalla sottoscritta. E, quest'ultimo libro in particolare è stato devastante.
Di cosa parlo? Beh...della saga di Divergent!



Allegiant, Veronica Roth, DeAgostini, 12,90€
Trama: La realtà che Tris ha sempre conosciuto ormai non esiste più, cancellata nel modo più violento possibile dalla terrificante scoperta che il "sistema per fazioni" era solo il frutto di un esperimento. Circondata solo da orrore e tradimento, la ragazza non si lascia sfuggire l'opportunità di esplorare il mondo esterno, desiderosa di lasciarsi indietro i ricordi dolorosi e di cominciare una nuova vita insieme a Tobias. Ma ciò che trova è ancora più inquietante di quello che ha lasciato. Verità ancora più esplosive marchieranno per sempre le persone che ama, e ancora una volta Tris dovrà affrontare la complessità della natura umana e scegliere tra l'amore e il sacrificio.
Recensione: Come il primo, mi è stato regalato dalla mia migliore amica (ci conosciamo da dodici anni e passa quindi si può dire che mi conosca quanto basta per consigliarmi libri a sufficienza).
Essendo l'ultimo libro della saga - Four è un prequel o spin off, diciamo- ero sia contraria al leggerlo in un battito di ciglia, sia torturata dalla curiosità. Così l'ho letto. In 13 giorni esatti.
E' molto avvincente come gli altri ma non ho assolutamente apprezzato la rivolta dei GD che sembrava in tutto e per tutto quella degli Esclusi verso il governo delle fazioni. in questo libro possiamo apprezzare il doppio punto di vista, sia da parte di Tris, sia da parte di Tobias e quindi esaminare nel profondo ciò che prova anche lui ed è una cosa che amo dei libri, poter esplorare la mente di altri, avere più punti di vista.
Le ultime cento pagine sono state devastanti come poche. In pratica dei personaggi "originari" della saga, ne rimarranno in vita tipo sette o giù di lì più quelli entrati in scena nel secondo libro. Una delle perdite era più prevedibile nel secondo libro che in questo ma si sa, l'amore vince su tutto e che a volte bisogna "sacrificare qualcosa per un bene superiore" e così accade.
Molta dolorosa è stata quindi l'ultima parte sul lutto e il provare ad andare avanti dell'altro personaggio molto importante. Posso ammettere di aver pianto come una fontana, come al solito.Voto: 5/5

Post popolari in questo blog

Eventi librosi! Festival letteratura (Mantova)

Eventi librosi: Festa del racconto a Carpi (MO)

Recensione! Ascolta il tuo cuore, S. Dessen