Recensione! The maze runner - La fuga, J. Dashner

Vi avevo avvisato che queste due settimane sarebbero state dedicate interamente alla saga di The maze runner. Infatti eccoci alla seconda recensione. Ne manca una per terminare la trilogia e poi speriamo di trovare in fretta i due prequel!
Attenzione: in questa recensione, potrebbero trovarsi degli spoiler se non avete letto il primo libro. 
Ne approfitto per ringraziarvi delle 4000 visualizzazioni e per chiedermi di seguirmi sui social (ma anche qui, ovvio) perchè tra una settimana o due annuncerò il primo giveaway del blog! Tutto questo in onore del terzo compleanno del sito.
Ma ogni cosa a suo tempo. 😏😉

The maze runner - La fuga, James Dashner

Anno dell'edizione: 2016
Casa editrice: Fanucci editore
Trama:
 Quando l'uomo vestito di bianco e dalla faccia da ratto finì di parlare, Thomas capì che per lui e gli altri Radurai l'ora delle Prove non era ancora terminata...
Il Labirinto e i viscidi Dolenti sono ben poca cosa se paragonati alla lunga marcia che la Cattivo ha stavolta pianificato per loro attraverso la Zona Bruciata, una landa squallida inaridita da un sole accecante e sferzata dalle tempeste di fulmini, popolata da esseri umani che l'Eruzione, il temibile morbo che rende folli, ha ridotto a zombie assetati di sangue. Nelle due settimane in cui dovranno percorrere i centocinquanta chilometri che li separano dal porto sicuro, la loro meta, tra cunicoli sotterranei infestati da sfere metalliche affamate di teste umane e creature senza volto dagli artigli letali, i Radurai dovranno dar prova del loro coraggio e dar voce al loro istinto di sopravvivenza. In questo scenario da desolazione postnucleare, superando le insidie di città fatiscenti e foreste morte, il viaggio verso il luogo misterioso in cui potranno ottenere la cura che salverà loro stessi e il mondo diventerà per Thomas, Brenda, Minho e gli altri un percorso di scoperta del proprio mondo interiore, del limite oltre il quale è possibile spingere le proprie paure.
Recensione: Dato che il film era totalmente diverso (perchè pare fosse solo ispirato e non basato sul libro), devo ammettere di essermelo goduta di più. Sono state circa 300 pagine piene di tensione e colpi di scena. Okay, secondo il conteggio di un utente di Goodreads, Thomas si è addormentato o è svenuto 29 volte durante tutta la narrazione. Infatti mi sono chiesta se l'autore avesse mai letto la Divina Commedia perchè tutti questi svenimenti erano molto in stile dantesco. Ma d'altronde non era neanche colpa sua. Neanche quando si metteva nei guai era colpa sua: la C.A.T.T.I.V.O. sembra avere piani grandiosi per lui (Una lunga e penosa sofferenza? Una morte atroce? Chi lo sa. In questo libro ha rischiato di morire così tante volte che ho perso il conto e inizio a credere che stia diventando immortale.)
Tornando a noi, questo volume è stato incredibilmente confusionario. Cosa intendo dire? Semplice: sembrava che ad ogni pagina le domande triplicassero invece di avere una risposta. Quando tutto sembrava andare bene, peggiorava. Sembrava essere stato scritto seguendo la legge di Murphy.
Non si capiva mai se tutto quello che accadeva fosse menzogna o realtà (specialmente dopo il discorso dell'Uomo Ratto e i tatuaggi dei ragazzi).
Sono stati introdotti nuovi personaggi tra cui uno per cui sono terribilmente grata perchè ha dato vita ad un'enorme ship: Brenda. Mi piace particolarmente tanto come personaggio e spero che non le accada niente. Ovviamente la ship si è quasi distrutta perchè Thomas pare essere l'unico ragazzo che, durante una prova mortale, trova il tempo di friendzonare la gente. Cosa che mi ha fatto desiderare di prenderlo a badilate sui denti.
Ma parliamo di altre persone che, invece, vorrei vedere morte: all'infuori dell'intera C.A.T.T.I.V.O., se potessi decidere chi far morire, ucciderei Teresa. Non mi interessa se è comandata dai creatori o cosa, non posso davvero sopportarla. Per tutto il tempo non si capiva da che parte stesse e se davvero era la C.A.T.T.I.V.O. a voler che lei facesse ciò che ha provato a fare. Ogni volta che compariva, pareva che soffrisse di doppia personalità o fosse già una degli Andati (ovvero gli Spaccati, persone con l'Eruzione, che avevano già perso la lucidità). Non mi fido per niente di lei e temo che non possa portare a niente di buono.
Si avvereranno mai i miei desideri, anche solo in parte? State tranquilli: lo sapremo presto. 

Voto finale: 5/5

Post popolari in questo blog

Eventi librosi: Festa del racconto a Carpi (MO)

GIVEAWAY! Terzo compleanno del blog e 4000 visualizzazioni!

Recensione! Io Prima di Te, J. Moyes